ATTACCO-DI-PANICO

Il termine “panico” si riferisce al timore improvviso che il Dio Pan suscitava agli antichi.

 SINTOMI 

Insorgono all’improvviso con una forte angoscia e sintomi somatici quali: difficoltà respiratorie  tachicardia  sudorazione  tremori  senso di svenimento o di soffocamento  nausea  sensazione che il corpo sia irreale.

Il sentimento è quello di essere in balia di qualcosa di terrorizzante, incontrollabile ed in preda ad una forte paura di morire o impazzire.

Successivamente, per paura che questo stato tremendamente angosciante possa ricomparire all’improvviso, si può giungere all’evitamento di luoghi e situazioni che possano provocare imbarazzo in caso di attacco o ai quali l’attacco di panico viene collegato. Si genera così, non di rado, una vera e propria fobia (agorafobia) in grado di limitare, a volte anche in modo severo, le attività della persona e compromettere la sua qualità di vita.

Si distingue:

Disturbo di panico con agorofobia caratterizzato sia da ricorrenti Attacchi di Panico inaspettati che da Agorafobia.
Disturbo di panico senza agorofobia  caratterizzato da ricorrenti Attacchi di Panico inaspettati, riguardo ai quali vi è una preoccupazione persistente.

Come gestirli?

La Dott.ssa Caimi riporta alcuni comportamenti da tenere in caso di emergenza:

 COSA NON FARE? 

far finta di star bene, resistere agli attacchi di panico, sdraiarsi, far finta di niente, cercare di combattere e scappare.

 COSA FARE? 

respirare regolarmente; lasciarsi andare; fare due passi; aspettare che passi; prender aria fresca; non scappare; massaggiarsi la parte che fa male; mettersi comodi; cerca una persona cara che può darti tranquillità ed attendi insieme a lei che il tutto passi.

 DOPO IL MOMENTO CRITICO 

Una volta che il momento critico è stato superato, agiamo immediatamente e cerchiamo un aiuto professionale, un professionista che può aiutarti a comprendere la radice del tuo malessere!

 

Puoi curare gli attacchi di panico presso lo Studio della Dott.ssa Caimi, sito in Marsala (provincia di Trapani) in Via Curatolo, 31.